Piano Locale Unitario dei Servizi – PLUS (L.R. n. 23/2005, art. 20)

Il PLUS è lo strumento cui si dotano i 25 Ambiti per definire, a tutela dei diritti della popolazione ed in attuazione dei livelli essenziali di assistenza, le modalità più idonee per garantire ai cittadini dei singoli Ambiti un adeguato sistema integrato di servizi socio-sanitari-assistenziali.

Continua la lettura

A chi è rivolto il Piano?

Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla persona – PLUS è rivolto a tutte le persone che risiedono nei rispettivi Ambiti territoriali dei PLUS e che necessitano di servizi socio-sanitari-assistenziali. Il PLUS è lo strumento disciplinato dalla Legge Regionale 23/2005, attraverso il quale i Comuni che fanno parte dell’ambito PLUS definiscono per il proprio territorio il sistema integrato dei servizi alla persona, sentito il partenariato locale pubblico , privato e l’Azienda sanitaria. Nel Piano vengono descritte le attività di programmazione, realizzazione e valutazione dei servizi e delle prestazioni volte a favorire il benessere delle persone e delle famiglie che si trovino in situazioni di bisogno sociale, esclusi gli interventi predisposti dal sistema sanitario, previdenziale e di amministrazione della giustizia.

In particolare nel PLUS devono essere individuati:

  1. il profilo sociale locale e le priorità di intervento;
  2. le modalità organizzative di erogazione e di accesso ai servizi, le risorse finanziarie, strutturali e professionali, la localizzazione territoriale degli uffici e dei servizi, su base comunale o sovracomunale;
  3. la definizione di un’eventuale organizzazione subdistrettuale, qualora necessaria;
  4. la ripartizione della spesa a carico di ciascun comune, della azienda sanitaria locale e degli altri soggetti firmatari dell’accordo di cui al comma 4 dell’articolo 21;
  5. le modalità per garantire l’integrazione gestionale, organizzativa e professionale;
  6. gli strumenti e le forme di coordinamento con gli organi periferici dello Stato, con particolare riferimento all’amministrazione penitenziaria e della giustizia;
  7. le modalità per la collaborazione dei servizi territoriali con i soggetti operanti nell’ambito della solidarietà sociale;
  8. le iniziative di formazione e di aggiornamento professionale finalizzate a realizzare progetti di sviluppo dei servizi;
  9. gli indicatori di qualità e i criteri di monitoraggio e valutazione degli interventi.

 

Qual è l’ammontare dell’eventuale beneficio economico?

 L’attuazione dei singoli PLUS avviene attraverso il finanziamento annuale del Fondo regionale per il sistema integrato dei servizi alla persona (art. 26 LR 23/2005). Il Fondo è ripartito tra i 25 Ambiti PLUS nel modo seguente: per il 40% in parti uguali e per il 60% in relazione alla dimensione demografica di ciascun ambito. La quota assegnata per l’ufficio di piano varia da € 61.000,00 per gli Ambiti PLUS con popolazione residente inferiore a 35.000 abitanti, a € 76.000,00 per quelli con popolazione residente superiore ai 35.000 abitanti, con alcune deroghe in aumento per alcuni Ambiti PLUS. La quota totale annuale destinata al funzionamento degli uffici di piano non può superare € 1.924.184,00.

Di seguito sono riportati i finanziamenti dell’ultimo triennio:

Anno Quota del Fondo di cui all’art. 26 della LR 23/2005
2017 18.871.807,82
2018 19.167.622,40
2019 18.610.000,00

Oltre al fondo ordinario annuale di cui all’art. 26 della LR 23/2005, agli Ambiti PLUS sono attribuiti di volta in volta finanziamenti destinati all’attuazione di programmi o bandi specifici (es.: La famiglia cresce, Reddito di libertà, bando Includis, ecc.) per i quali si ritiene più appropriata la gestione a livello di Ambito

 

Cosa è necessario fare perché il cittadino possa attivare i servizi previsti dal PLUS?

Per tutte le informazioni gli interessati devono rivolgersi al proprio comune o all’ente gestore dell’Ambito PLUS (Comune capofila o Unione dei Comuni o Comunità Montana)

 

Eventuali scadenze fissate per la partecipazione

 Il piano è triennale con aggiornamenti annuali.

 

Approfondimenti

Documenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

12 Dicembre, 2019