Interventi rivolti agli autori di violenza di genere e nelle relazioni affettive

Misure integrate e sistemiche, poste in essere dalla Regione Sardegna, volte a concorrere al recupero ed all’accompagnamento degli autori di violenza di genere e nelle relazioni affettive.

Continua la lettura

La Regione Sardegna, con deliberazione G.R. n. 48/20 del 29.11.2019 (approvazione preliminare) e D.G.R. n. 51/34 del 19.12.2019 (approvazione definitiva), in attuazione dell’art. 9 L.R. n. 48/2018 (Legge di Stabilità 2019), ha inteso porre in essere un sistema integrato di azioni volte a concorrere all’accompagnamento e al recupero degli autori di violenza tramite interventi a carattere psicologico, socio – educativo, relazionale, culturale, psicoterapeutico e psichiatrico, da attuarsi, su tutto il territorio regionale, attraverso il raccordo e l’integrazione dei servizi della Rete di contrasto alla violenza.  A tal fine ha disposto lo stanziamento di 150.000 euro complessivi per il triennio 2019-2021.

Fanno parte della rete le seguenti organizzazioni: la Regione Sardegna; i Servizi Pubblici che, per competenza istituzionale e a vario titolo, erogano interventi di natura socio-sanitaria (Enti Locali, ATS Sardegna); il Sistema Giudiziario e di Pubblica Sicurezza nelle sue varie articolazioni; i Centri specialistici per il recupero degli autori di violenza di genere operanti sul territorio regionale che, per statuto, siano rivolti in modo specifico alla riabilitazione degli autori di violenza di genere o nuovi Centri specialistici dedicati alla presa in carico degli autori di violenza di genere promossi localmente da enti, associazioni di volontariato e organizzazioni non lucrative di utilità sociale (onlus) che dimostrino di avvalersi di personale qualificato e che possano dimostrare un’esperienza nel lavoro con gli autori di violenza di genere.

La Regione Sardegna, al fine di promuovere il raccordo e l’integrazione fra i servizi della rete anche in fase programmatoria, ha costituito un Gruppo Tecnico di lavoro.

I servizi coinvolti, ognuno per le proprie competenze, devono operare creando sinergie con gli altri soggetti della rete al fine di assicurare la presa in carico multidisciplinare, la continuità assistenziale che favorisca la prevenzione della ricaduta nell’agito violento, regole trasparenti e uniformi per l’individuazione dei soggetti che accedono ai trattamenti specialistici del comportamento violento.

Dall’integrazione degli attori coinvolti è scaturita la definizione di standard di qualità per la valutazione dell’operato dei Centri specialistici per il recupero degli autori di violenza e sono state elaborate le linee guida (allegate alla Delib.G.R. n. 39/24 del 30.7.2020) che disciplinano la costituzione ed il funzionamento della rete pubblica territoriale nonché il processo di presa in carico dei beneficiari dell’intervento, specificando il ruolo dei singoli nodi e prevedendo l’avvio di specifici percorsi formativi.

Per approfondimenti sugli interventi, sui finanziamenti stanziati per le annualità 2019 – 2020 – 2021 e sulla costituzione e il funzionamento della rete pubblica territoriale è possibile consultare:

  • Legge Regionale 28 dicembre 2018, n.48 (Legge di stabilità 2019)
  • Deliberazione n. 48/20 del 29.11.2019
  • Allegato alla Delib.G.R. n. 48/20 del 29.11.2019
  • Deliberazione n. 51/34 del 18.12.2019
  • Deliberazione n. 39/24 del 30.07.2020
  • Allegato alla Delib.G.R. n. 39/24 del 30.7.2020

Documenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

19 Ottobre, 2020