Sine Limes – Sostegno e presa in carico di persone fragili in condizioni aggravate per emergenza Covid-19

“Sine Limes” è una misura finanziata dal POR FSE 2014-2020 con la quale la Regione Sardegna prevede la concessione di Buoni Servizio a favore di persone con limitazione nell’autonomia.

Continua la lettura

A chi è rivolta la misura?

Il finanziamento è rivolto alle persone con limitazioni all’autonomia quali soggetti con disabilità, soggetti in carico ai centri di salute mentale o all’Unità Operativa di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza (UONPIA) e alle persone con almeno 85 anni di età e le loro famiglie, contribuendo in tutto o in parte, alla spesa sostenuta per l’erogazione di servizi di assistenza, anche per far fronte alle conseguenze dell’emergenza sanitaria COVID-19.

Nel promuovere questa misura, finanziata dal POR FSE 2014/2020, la Regione Sardegna ha voluto sostenere, nell’intero territorio regionale, le persone fragili in condizioni aggravate per l’emergenza Covid-19, mediante l’erogazione di Buoni Servizio che assumono la forma di contributo economico a fondo perduto. I Buoni Servizio, utili a favorire l’accesso dei richiedenti ai servizi socio-sanitari, sanitari, servizi di cura e di assistenza domiciliare, prevedono l’assegnazione diretta a titolo di rimborso della spesa sostenuta per l’acquisto dei servizi.

Sono destinatari del beneficio economico:

  • i soggetti con disabilità ai sensi dell’art. 3 della Legge 104/92 in possesso della relativa certificazione;
  • i soggetti in carico ai centri di salute mentale o all’Unità Operativa di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza (UONPIA);
  • le persone anziane che abbiano almeno 85 anni di età.

I destinatari devono essere residenti o domiciliati nella Regione Sardegna, e, nel caso di cittadini non comunitari, questi devono essere in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Per l’accesso al beneficio è richiesto che la condizione economica del nucleo familiare del richiedente, rilevata dalla certificazione ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda, sia pari o inferiore a € 35.000.

Non sono ammessi al beneficio coloro che usufruiscono di un servizio residenziale e non sono ammesse spese già rimborsate con altre forme di sostegno, programma o finanziamento previsto a livello comunitario, nazionale o regionale. Il contributo è invece cumulabile con altre forme di sostegno o finanziamenti UE/nazionali o regionali già ricevuti da parte del destinatario.

Qual è l’ammontare del beneficio economico?

La misura è stata finanziata nel 2020 con euro 3.000.000 del POR FSE 2014-2020 e il relativo avviso è stato pubblicato nel dicembre 2020 e chiuso nel febbraio 2021.

Il valore dei Buoni Servizio consiste in un contributo economico finalizzato all’acquisto di servizi che devono essere usufruiti unicamente dal destinatario.

L’importo dei buoni non può in nessun caso eccedere l’ammontare delle spese effettivamente sostenute e comprovate da documentazione giustificativa di spesa e non può superare le seguenti soglie massime previste per ciascuna fascia ISEE:

€ 6.000,00, per ISEE fino a € 15.000,00;

€ 5.700,00 per ISEE compreso tra € 15.001,00 e € 25.000,00

€ 5.400,00, per ISEE compreso tra € 25.001,00 e € 35.000,00

Cosa è necessario fare per richiedere il beneficio?

Lo sportello per la presentazione delle domande è stato chiuso il 10 febbraio 2021 in seguito all’esaurimento del budget.

La presentazione delle istanze avviene esclusivamente per via telematica tramite il SIL Sardegna al seguente indirizzo: www.sardegnalavoro.it.

La domanda telematica è presentata a cura del destinatario oppure, in caso di persone minori o incapaci/nell’impossibilità di provvedere ai propri interessi, dalla persona esercente la responsabilità genitoriale o dal proprio tutore/amministratore di sostegno. Nel caso di nucleo familiare con più destinatari, è necessaria una domanda per ciascun destinatario.

L’ammissione al beneficio, previa formazione di appositi elenchi dei destinatari, avviene con la modalità a “sportello”, tenendo conto della dotazione finanziaria disponibile.

Modalità di erogazione del Buono Servizio

L’ordine cronologico di invio telematico delle domande costituisce unico elemento di priorità nell’assegnazione del contributo, nei limiti delle risorse complessivamente disponibili.

L’Amministrazione istruisce le domande telematiche in ordine cronologico di invio , fino al raggiungimento della capienza massima di euro 3.000.000,00 di contributi erogabili.

Conclusa la verifica da parte dell’Amministrazione sulla correttezza e completezza della documentazione presentata con la domanda di partecipazione, l’erogazione del Buono Servizio avviene mediante accredito sul conto corrente postale o bancario intestato al destinatario, a seguito della presentazione delle richieste di rimborso.

Risorse finanziarie

L’intervento è stato finanziato è finanziato con risorse del POR Sardegna FSE 2014-2020, per complessivi euro 3.000.000,00.

Eventuali scadenze fissate per la partecipazione

Non sono previste scadenze specifiche. La misura è attuata con la modalità a “sportello”, tenendo conto della dotazione finanziaria disponibile.

Avanzamento del programma

Attualmente, a seguito dell’istruttoria sulla documentazione ammissibile, sono stati liquidati Buoni Servizio per complessivi euro 472.781,44 soddisfacendo 95 domande di rimborso.

Approfondimenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

21 Giugno, 2022