Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza – IPAB (L.R. n. 23/2005, art. 44)

Le IPAB sono istituzioni pubbliche che in Sardegna, in applicazione di norme nazionali, sono state estinte o trasformate in associazioni o fondazioni o in aziende pubbliche.

Continua la lettura

Cosa sono le IPAB?

Le Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza – IPAB, sono state istituite con il regio decreto n.2841 del 1923 con l’obiettivo di “…prestare assistenza ai poveri, tanto in stato di sanità quanto di malattia e di procurarne l’educazione, l’istruzione, l’avviamento a qualche professione, arte o mestiere, od in qualsiasi altro modo il miglioramento morale ed economico”.

Con l’articolo 44 della legge regionale 23/2005, attuativo di norme nazionali, e il Decreto del Presidente della Regione (DPR) 22 luglio 2008, n. 3, si è disposta l’estinzione delle IPAB della Sardegna o la loro trasformazione in aziende pubbliche di servizi alla persona o in associazioni o in fondazioni, qualora dimostrino la capacità finanziaria di poter proseguire nell’attuazione degli scopi statutari.

Delle circa 50 IPAB sarde, la maggior parte hanno scelto l’estinzione o la trasformazione in fondazione o associazione.

Solo l’IPAB “Istituto dei ciechi di Cagliari” è stata trasformata in “Azienda pubblica di servizi alla persona – Istituto dei ciechi della Sardegna Maurizio Falqui”

Attualmente è ancora in itinere la procedura di estinzione delle ultime 7 IPAB che, comunque, non hanno personale di ruolo.(Asilo orfanotrofio S. Francesco di Ales; Asilo Infantile San Giuseppe di Benetutti; Asilo Asilo Infantile F. Mulas di Bono; Asilo Infantile Principe di Piemonte di Cabras; Asilo Asilo Infantile F. Murgia di Teti; Asilo Infantile San Vittorio di Tuili; Asilo Infantile Immacolata Concezione di Teulada).

 

Quale è l’ammontare dell’eventuale beneficio economico?

Le norme vigenti stabiliscono che in caso di estinzione il patrimonio e il personale che alla data del 31.12.2007 risultava dipendente a tempo indeterminato dell’IPAB, è  assegnato al Comune in cui l’Istituzione ha la sede legale. Per fare fronte alle relative spese ogni anno lo Stato trasferisce alla Regione € 3.615.198,00 quale contributo per la copertura dei costi del personale di ruolo presso i Comuni, assorbito per effetto dell’estinzione delle IPAB.

Attualmente una quota di tale fondo viene assegnata ai comuni di Ghilarza, Luras, Mogoro e Villanova Monteleone, gli unici che hanno ancora personale trasferito dalle rispettive ex IPAB. La restante quota viene assegnata all’Azienda di Tutela della Salute (ATS), in quanto ha assorbito il personale di ruolo dell’ex IPAB “Fondazione San Giovanni Battista” di Ploaghe (v. art. 17 del Decreto del Presidente della Regione (DPR) 22 luglio 2008, n. 3, come modificato dal DPR n. 1 del 04 febbraio 2016).

 

Cosa è necessario fare per avere informazioni sulle ex IPAB?

 Per tutte le informazioni gli interessati possono rivolgersi al Comune sede della ex IPAB.

 

Approfondimenti

Documenti

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30 Novembre, 2019